Storia

Con il trenino dei minatori si entra per ca. 1000 metri nella galleria St.-Ignaz. Poi si prosegue a piedi ca. 100 metri e si arriva al Centro climatico. Li s'incontrano condizioni igieniche dell'aria che possono alleviare problemi allergici e di altro tipo alle vie respiratorie.

Alcuni valori di misurazione riferiti dal 1994 (analisi del Prof. Dott. Deetjen)

  • una situazione climatica stabile e quindi diversa da quella dell'aria aperta
  • una temperatura dell'aria costantemente bassa, indipendentemente dalla temperatura esterna (+9 gradi Celsius)
  • un'umidità relativa dell'aria molto alta (possibilmente molto vicina al 100%)
  • un'umidità assoluta molto bassa (ca. 8,5g/m3 d'aria)
  • un collegamento molto limitato con l'esterno
  • circolazione dell'aria in direzione verso l'esterno
  • il contenuto di polveri, con un fattore 20, è al di sotto del valore limite per la definizione di aria purissima (praticamente esente da polveri e allergeni)
  • il contenuto di pollini è inferiore di un fattore 1.000 - 1.500 rispetto all'aria esterna, vale a dire un'aria praticamente priva di pollini
  • i valori riguardanti il radon e i raggi gamma sono decisamente inferiori ai valori limite previsti direttive CEE, cosicchè risulta sicura anche una permanenza prolungata in galleria


Centro Climatico: Professore Deetjen, cosa s'indende per speleoterapia e come agisce?

Deetjen: La speleoterapia significa terapia in caverna. Questa terapia é stata scoperta per caso: quando durante la seconda querra mondiale nella regione dalla Ruhr si intensificarono i bombardamenti, le persone cercarono rifugio nella caverna chiamata "Kluterthöhle" ad Ennepetal nel Sauerland. Un medico attento osservò allora che le persone affette da malattie polmonari croniche ed i pazienti asmatici si sentivano meglio e le loro malattie addirittura guarivano quanto più a lungo rimanevano in questa caverna. Perchè? Nelle caverne umide l'umidità relativa dell'aria si avvicina al grado di saturazione, ossia al 100 per cento. Per questo motivo le particelle in sospensione e gli allergeni si legano nell'aria e si abbattono sulle pareti umide. In queste caverne si incontra così un'aria purissima. L'aria può assumere tanto più vapore acqueo, quanto più e calda. Nelle gallerie fresche la temperatura varia da 8 a 10 gradi Celsius per cui, nonostante l'aria sia quasi completamente satura di vapore acqueo, essa contiene in valore assoluto pochissima acqua. Quando l'aria, inspirando, si riscalda ai 37 gradi della temperatura corporea, essa può assumere ancora tantissima acqua. Quest'acqua, durante il passaggio attraverso le vie respiratorie, viene ora sottratta alle mucose che spesso, a causa delle infiammazioni croniche o dell'asma bronchiale, sono gonfie. In tal modo il gonfiore si riduce e la persona può respirare più liberamente.


Centro Climatico: Per quali quadri clinici é opportuno applicare la speleoterapia?

Deetjen: Sia in presenza di malattie ostruttive acute delle vie respiratorie, quali l'asma bronchiale, che per le malattie ostruttive broncopolmonari croniche quali la bronchite cronica e l'enfisema polmonare. Ostruttivo significa che le vie respiratorie sono ristrette. Hanno meccanismi simili all'asma bronchiale anche le cosiddette malattie atopiche quali la neurodermatite es il raffreddore da fieno. Vanno quindi citate l'asma bronchiale allergica, l'asma bronchiale dovuta ad agenti infettivi ed infine alcuni sintomi postinfettivi, ad esempio quelli che insorgono con la pertosse .

Fonte: Il notiziario del Centro Climatico di Predoi, uscita n° 1, 2004


Testimonianze

“Avevo dei problemi ai seni paranasali, ai seni frontali ed alle mucose nasali. I polipi si gonfiavano e perdevo l’olfatto. Anche le vie respiratorie inferiori erano coinvolte, sia pure in misura minore. Dopo due o tre ingressi nella galleria climatica, le mucose si sono sgonfiate e l’olfatto si è ristabilito. Anche il muco nei seni paranasali si é sciolto e si è potuto espellere. La respirazione é divenuta più libera: la permanenza nella galleria mi ha dato un grande benessere. Con una permanenza quotidiana di ca. 2 ore per un periodo di 2 settimane nel 2004 sono riuscito a non avere sintomi ed a non assumere farmaci per ca. 6 mesi. Un raffreddore é stato la causa di una ricaduta ed i vecchi problemi si sono ripresentati.
Mi auguro che con una seconda permanenza nella galleria climatica gli effetti positivi durino più a lungo.”

Günther G. - 57 anni


La madre di Simon racconta: “Da quando é nato, Simon soffre di un forte raffreddore da fieno che tre anni fa ha condotto per la prima volta ad attacchi d’asma. Per questo motivo la scorsa estate siamo entrati per due settimane insieme ai suoi fratelli nella galleria climatica di Predoi. Successivamente gli attacchi sono spariti e la notte poteva dormire senza problemi. Inoltre abbiamo potuto constatare in Simon, Lukas (5 anni) e Kathrin (3 anni) che, al contrario di altri anni, non hanno avuto praticamente raffreddori per tutto l’inverno. Per questo motivo abbiamo prenotato anche quest’anno, con grande gioia dei bambini, una visita al centro climatico.“

Simon F., 7 anni, diagnosi: raffreddore da fieno, asma


 
 
 
 
 

     Giugno 2017     
lun mar mer gio ven sab dom
29
30
31
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
1
2

Tutti eventi
Avventura 
Mountainbus 
Visita guidata 


© 2006 Museo Provinciale delle Miniere Credits produced byZeppelin Group – Web Marketing - Italia